Logo Holiday Dream Club
Viaggaitori Seriali, Blog Holiday dream Club

Hakuna Matata, la poesia zanzibarina


La seconda metà di gennaio sono partita da sola per Zanzibar. La mia prima vacanza in un villaggio, la mia prima volta in un paese tropicale!


Non voglio parlare del Bravo club 4* di Kiwengwa sulla costa est, impeccabile, curato, pulito, super servizio! Voglio raccontare l'esperienza di aver conosciuto tanti turisti e di aver condiviso con loro relax, allegria, giornate e serate insieme, ognuno con il proprio dialetto, così lontani in Italia, così vicini in Africa!

Escursioni strepitose (consiglio NAKUPENDA e FUMBA) su atolli di sabbia che tolgono il fiato quando arrivi, li vivi, riparti... Mentre pranzi insieme cibi spettacolari cucinati lì in spiaggia, da loro, i zanzibarini, aragoste, gamberi, cicale di mare, riso con spezie e poi la frutta e tutto ha un sapore eccezionale, mangiando con le mani seduti sui tappeti sotto la tenda da campo che ci fa ombra, cantando e ballando canzoni africane, ridendo tutti insieme e poi le nuotate in un mare caldo limpido mille sfumature di blu. Chi trova una stella marina chiama tutti a vedere, i colori del cielo della sabbia bianchissima, difficile spiegare la sensazione sulla pelle, dell'aria, gli odori, la gioia che abbiamo tutti negli occhi!

Dimenticati improvvisamente tutti quei soliti discorsi... fa caldo, fa freddo, piove, che palle hai visto oggi le notizie... mamma mia! Siamo tutti talmente eccitati da quanto stiamo assaporando con tutti i nostri sensi! Assoluta spensieratezza, una meravigliosa ricarica per noi stessi, benessere puro per corpo e mente. La notte prima di ririrarmi in camera, giretto in spiaggia ad ascoltare il rumore delle onde lontane che si fermano alla barriera corallina, l'aria caldissima e ventilata.


Al villaggio c'è benessere, fuori si percepisce tutta la povertà. Percorrendo le strade con i pulmini per andare a fare escursioni c'è un forte contrasto tra la natura rigogliosa e ricca e la povertà delle persone, capanne di legno e fango, i negozi, costruzioni improvvisate, vendono tutto quello che noi buttiamo, ogni pezzo di legno, di ferro è prezioso; mezzi di trasporto senza regole, in mezzo a quel disastro di fango e capanne ho notato le persone con abiti putili, stirati, tranquillità e sorriso. Personalmente ho avuto la grande fortuna di stare molto a contatto e parlare con i zanzibarini, ho imparato molte loro tradizioni, usanze, pensieri ed è stato bellissimo! Fate le escursioni con Capitan Findus, scoprirete molto su Zanzibar!


Ho visto e toccato stelle marine, pesci colorati, dato loro da mangiare dalle mani, tartarughe giganti, delfini, baobab, mangrovie, navigato sulle loro barche stranissime. Ho fatto passeggiate lunghissime in spiaggia (una farina bianca spettacolare) assieme ai Masai, ho visto le donne coltivare alghe, animali strani sul mio terrazzo, sono stata curata dagli aculei dei ricci con la papaya... potrei continuare...


Voglio concludere consigliando di stare il più possibile con la popolazione locale, non hanno molto ma di sicuro gentilezza, educazione, sorriso e nessuna fretta! Come si dice JAMBO HAKUNA MATATA! Portate in valigia fogli e matite potrete portarli ai bambini della scuola e vi abbracceranno! Questo viaggio, grande esperienza di vita è stato possibile solo grazie al mio club HDC solo così ho abbattuto il costo altrimenti impossibile!


Faccio sempre il diario di bordo nei miei viaggi, se avete piacere di altre informazioni... ci sono, sarà un piacere! Vi dirò in quale ristorante si mangia a meraviglia... ed altro ancora!

Ornella

Vuoi saperne di più?
 

Fatti raccontare di più da questo Viaggiatore Seriale! Scrivici quale storia ti ha affascinato e ti metteremo in contatto con chi l'ha scritta!
Potrai farti descrivere ancora meglio la sua vacanza e la sua esperienza HDC, e magari fra poco sarai anche tu parte della famiglia di Holiday Dream Club!

 

Scrivi il tuo messaggio!

Evviva! Messaggio ricevuto.

Le mete dei nostri travelers
Il diario del mese!